Hermitage Travel Trento agenzia viaggi vacanze

RUBRICA

Messico - Chichen Itza

Scritto da on: 22/10/2014

Chichen Itzá, immensa zona archeologica con una superficie di più  di 300 ettari dove sono ben differenziati i due periodi che ha vissuto la storia maya e le cui testimonianze sono plasmate nei differenti stili architettonici: uno puramente Maya e l’altro di influenza Tolteca. la piramide di Kukulkan, il campo da gioco della pelota, il tempio delle mille colonne dei guerrieri, il cenote sacro e l’impressionante osservatorio che ancora oggi segna l’inizio delle stagioni.
I cenotes sono formazioni uniche al mondo che oltre ad essere una risorsa naturale di acqua fresca, per i Maya rappresentavano anche l’ingresso all’ ”inframundo”. I cenotes sono delle piccole lagune rocciose diffuse nella foresta che si sviluppano in grotte sotterranee ricche di acqua; la loro storia e bellezza sono oggi visitabili tramite visite subacquee. Si tratta di un mondo unico da scoprire: l’interno delle grotte è illuminato da torce che rendono visibili tutti i tesori come pesci, fossili, conchiglie, sepolti al suo interno.

Punti di Interesse

Sito archeologico con il Templo de Los Guerreos, il Juego de la Pelota, la Piramide de Kukulcan, il gruppo de Las Mil Columnas, l’edificio de Las Monjas ed il Caracol 

Buone notizie per il Sudafrica: confermato il trend positivo degli arrivi italiani nel primo trimestre del 2014. Sono state rese note le ultime statistiche che mostrano un tasso di crescita del 6,5% dei turisti italiani, rispetto allo stesso periodo del 2013. Sono 15.167 gli italiani che hanno visitato la Nazione Arcobaleno tra gennaio e marzo. Quest’ultimo mese ha registrato un +5,7% rispetto allo scorso anno. I dati sono stati annunciati pochi giorni fa, in contemporanea all’inizio del Tourism Month e dei numerosi eventi ad esso collegati che animeranno il Sudafrica nei prossimi giorni. Il National Department of Tourism ha deciso di celebrare questo mese dedicato al turismo lanciando il claim “Tourism, Transforming Lives”: un tema importante che pone l’accento su questioni non solo prettamente turistiche. I diversi appuntamenti in calendario sottolineano l’importanza del turismo per tutto il Sudafrica e per i suoi cittadini grazie all’impatto economico del settore, con la creazione di nuovi posti di lavoro, investimenti nelle infrastrutture e la crescita di notorietà del Paese

 

 

 

 

 

 

 

THAILANDIA - STORIA

Scritto da on: 02/09/2014

La storia

 

Dalle prime tracce della fiorente civiltà dell'età del Bronzo a Ban Chiang, villaggio preistorico a nord est del paese, la storia della Thailandia è stata tutto tranne che monotona.

 

Dalla Cina, attraverso le fertili vallate del fiume Mekong, Monaci, Khmers e Thais popolarono gradualmente la terra oggi conosciuta come Thailandia. Nell'undicesimo secolo, i Khmers 
rappresentavano la forza dominante.

Questo potere durò fino al dodicesimo secolo quando i Thais cominciarono a costruire i piccoli villaggi di Lanna, Phayao e Sukhothai. Presto due capi guerrieri Thais si ribellarono ai Khmers e istituirono il primo stato indipendente Thai vicino a Sukhothai, o letteralmente "L'alba della felicità".

Da Sukhothai, cominciò l'espansione lungo il bacino del fiume Chao Phraya e il Buddismo Theravada costituì la più diffusa religione Thai. Sukhothai attraversò un periodo di declino e conquistata dal giovane, dinamico regno degli Ayutthaya.

La dinastia degli Ayutthaya regnò incontrastata nel centro della Thailandia come lo stato più potente dell'Asia del sud-est per 34 regni fino al 1767 quando fu sconfitta dall'invasione degli eserciti Burmesi. Tuttavia con il passare dei mesi, Re Taksin riuscì a respingere l'invasione Burmese. Re Taksin andò vanti e fece costruire un'altra capitale a Thon Buri dando così vita al periodo Rattanakosin che regna tutt'ora.

Nel 1782 Re Rama I, il primo re dell'attuale dinastia Chakri, stabilì la sua nuova capitale sulle sponde del fiume di un villaggio chiamato Bangkok (Villaggio delle susine selvatiche). Nel corso dei successivi duecento anni, i monarchi Chakri Re Mongkut (Rama IV) che regnò dal 1851 al 1868 e, suo figlio, Re Chulalongkorn (Rama V) che regnò dal 1868 al 1910, sono ancora oggi riveriti per aver preservato dalla colonizzazione e aver modernizzato il paese.

Dal 1932 la Thailandia è divenuta una monarchia costituzionale, L'attuale monarca, Sua Maestà Re Bhumibol Adulyadej, è, nel mondo, il monarca che ha regnato più a lungo e il più amato dai suoi sudditi. Egli ha instancabilmente devoluto la sua vita al miglioramento della qualità della vita in Thailandia

Il Re

Oggi il Re di Thailandia è sua maestà Re Bhumibol Adulyadej o Rama IX.

Egli è riuscito a guidare lentamente il suo paese verso la democrazia domando l'arroganza dei militari e facendosi amare e rispettare dal popolo. Il suo regno ha portato alla Thailandia una nuova era di prosperità.

Qui, a differenza di molti altri paesi, il simbolo reale è sopravvissuto a guerre e rivoluzioni e rimane la più grande forza unificante del Paese. Lâ impegno di Sua Maestà per risollevare lâeconomia del paese e per rivalutarne la cultura ha donato un nuovo orgoglio e senso di appartenenza al suo popolo, oggi estremamente orgoglioso del proprio sovrano. Tale è la devozione dei Thailandesi verso Re Bhumibol, che parlare della famiglia reale è tabù, così come toccare una moneta o una banconota con i piedi è un delitto di lesa maestà poichè su di esse è effigiato il Sovrano.

 

 

 

 

 

 

THAILANDIA

Scritto da on: 27/08/2014

Thailandia 

DIVIETO DI FUMO SULLE SPIAGGE

 

Informiamo che dal 1 novembre 2017 verrà introdotto in Thailandia il divieto di fumare su 20 spiagge, tra le più note e frequentate dai turisti.
Si tratta di un progetto pilota, che se verrà ritenuto funzionale verrà esteso nel prossimo futuro a tutte le spiagge del Paese.

A quanti non si conformeranno al prescritto divieto, stranieri e turisti inclusi, verrà comminato un anno di prigione e/o una multa di 100.000 Baht (2.700 Euro).
I trasgressori, se colti in flagranza, verranno arrestati e condotti in carcere per tutta la durata delle indagini e del processo (dai 30 ai 60 giorni), salvo il pagamento di una cospicua cauzione, qualora stabilita dal giudice.
Si tratta di una disciplina draconiana, e non vi sono dubbi che verrà applicata con estremo rigore anche nei confronti dei turisti.

Un turista italiano colto mentre fuma in una delle spiagge subordinate al divieto rischia seriamente di essere arrestato e condotto in carcere per un tempo anche prolungato, con evidenti e per certi versi sproporzionate ripercussioni non solo sulla vacanza, ma sulla sua vita e sulla possibilità di rientrare in Italia nei tempi previsti (va da sè che chi viene imprigionato o liberato su cauzione, non potrebbe comunque lasciare la Thailandia fino al termine del processo a suo carico).


Qui di seguito la lista completa delle 20 spiagge su cui scatterà il divieto, tra cui figurano i celebri arenili di Pattaya, Patong (Phuket) e Bophud (Koh Samui):


LISTA DELLE SPIAGGE DOVE SARA’ PROIBITO FUMARE DAL 1 NOVEMBRE 2017
(pene per i trasgressori: arresto, 1 anno di carcere e/o 2.700 Euro di multa)

 

1. Mae Phim (Provincia di Rayong)
2. Laem Sing (Provincia di Chathaburi)
3. Bangsaen (Provincia di Chonburi)
4. Pattaya (Provincia di Chonburi)
5. Chom Thien, (Provincia di Chonburi)
6. Cha-am (Provincia di Phetchaburi)
7. Tham Phang, Koh Si Chang (Provincia di Chonburi)
8. Hua Hin (Provincia di Prachuap Kiri Khan)
9. Khao Ta-kiab (Provincia di Prachuap Kiri Khan)
10. Patong (Provincia di Phuket)
11. Bophud, Koh Samui (Provincia di Surat Thani)
12. Sai Ree (Provincia di Chumporn)
13. Chala Thas (Provincia di Songkhla)
14. Simila (Provincia di Songkhla)
15. Tha Wasukri (Provincia di Pattani)
16. Koh Kai Nok, Koh Yao, (Provincia di Phang-nga)
17. Koh Kai Nai, Koh Yao, (Provincia di Phang-na)
18. Phra-ae’, Koh Lanta (Provincia di Krabi)
19. Klongdao, Koh Lanta (Provincia di Krabi)
20. Had Kaw Kwang, Koh Lanta (Provincia di Krabi)

Hermitage Travel Filiale di Trento

Vi accoglieremo nella nostra agenzia cercando di trasmettervi la nostra passione per i viaggi, dando forma al vostro desiderio di viaggiare.

T. +39 0461.39.0055
F. +39 0461.39.72.46 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.hermitagetravelfilialetrento.it
 
I Colori del mondo - via G. Matteotti, 129 - 38122 TRENTO - P.IVA 02323310223